fbpx

Economia rurale in Cina: seconda puntata. Il Microcredito

Dal Blog di Beppe Grillo, la seconda puntata del mio documentario dulla Cina Rurale. Argomento di questa puntata: il MICROCREDITO.

Puoi raccontarci qualcosa della tua attività commerciale?

Coltivo peperoni. Il mio modello si basa su: un’azienda, terra e contadini. Ho 400 ettari di terra in totale.

 

E quando hai iniziato la tua attività, come hai fatto ad investire tutti questi soldi?

Ogni ettaro è di circa 1.100 dollari, quindi 6 ettari sono circa 7.000 dollari.

 

A chi hai chiesto il prestito, a una banca?

Ad amici e altre persone. In alcuni casi, a tassi di interesse abbastanza elevati.

 

Si può ottenere un prestito dalle banche?

Se si desidera. Per chiedere un prestito alla banca, ci vuole del tempo e hanno troppi requisiti, risulta quindi un po’ difficile…

 

Che tipo di requisiti?

Ad esempio, utilizzare la proprietà come garanzia. Noi in campagna generalmente non possediamo il certificato di proprietà. Quindi, che tu sia un agricoltore o un imprenditore, come nel mio caso, non c’è modo di ottenere un prestito dalla banca. Ma si deve ricorrere ad amici e simili.

 

Ogni volta che parlo di micro-credito con organizzazioni finanziarie, come la vostra, tutti dicono che è facile ottenere un prestito. Ma quando poi parliamo con gli agricoltori, praticamente quasi tutti affermano il contrario, ovvero che è difficile ottenere un prestito.

(Manager dipartimento crediti, Banca Rurale Xingyi): Direi che al momento soltanto in alcune circostanze potrebbe essere difficile ottenere un prestito. In primis, valutiamo le condizioni economiche del cliente, verifichiamo se ci sono mancati pagamenti in passato, o se sono troppo giovani, intorno ai 18 anni, o se hanno più di 65 anni. Inoltre, spesso non sono contenti dell’ammontare del prestito.

Cosa ne pensa del futuro del micro-credito in Cina? Dovrebbero esserci dei cambiamenti nelle politiche, nelle leggi?

(Segretario Partito Comunista, CEO, Banca Rurale Xingyi): Penso che il governo debba istituire delle organizzazioni capaci di aiutare con garanzie, assicurazione, e rischi. Questo potrebbe aiutare l’industria del micro-credito.

Qual è il modo migliore per incrementare il reddito degli agricoltori?  Chiedere un prestito per attività agricole? o per trasferirsi in città, cercare lavoro là?

Da quello che ho capito, dovrebbe essere una combinazione di varie scelte. Abbiamo vari modi per soddisfare le loro richieste, ad esempio, offriamo alcune informazioni, li supportiamo per produrre di più, per espandere la portata delle loro attività. Ma, per quanto riguarda alcuni agricoltori che non hanno la possibilità di cercare lavoro in città, possiamo comunque offrire loro dei crediti. Consideriamo il micro-credito come un modo per gli agricoltori di incrementare i loro redditi, prendendo in prestito del denaro ed investendolo in attività agricole produttive, come l’acquisto di semi migliori, fertilizzanti, macchinari.

 

Tuttavia, abbiamo riscontrato che è molto difficile per gli agricoltori ottenere prestiti o prestiti completi. Gli istituti di credito formali, come le società di micro-credito o le banche, tendono a prestare solo la metà di quello che gli agricoltori domandano ed i restanti devono essere presi in prestito da una rete informale, dalla famiglia, dagli amici, alle volte persino dal settore bancario informale.  

L’altro problema è che gli agricoltori di solito chiedono un prestito per migliorare le loro case, per costruire una casa più grande ad esempio, non per investire in attività agricole. A mio avviso, questo non è un buon uso del denaro, perché non aiuta a migliorare le condizioni di vita, ancor meno le loro entrate. Quando poi i contadini chiedono un secondo prestito, questa volta per investire i fondi in attività agricole, allora il controllo del credito diventa più severo e il prestito di conseguenza più difficile da ottenere. Abbiamo scoperto tuttavia che quando parliamo con le banche sono molto felici e desiderose di prestare del denaro agli agricoltori. Ma quando poi parliamo con gli agricoltori, ci dicono che è molto difficile ottenere prestiti da queste istituzioni formali. Credo quindi ci sia un problema di comunicazione che deve essere affrontato. Se il micro-credito non può risolvere il problema di come incrementare il reddito degli agricoltori, cos’altro si potrebbe fare?  

Un’altra soluzione possibile è che mettano insieme le loro risorse con, ad esempio, la terra dei vicini, in modo da creare alcune economie di scale.

Continueremo ad affrontare questi temi nella prossima puntata di “Economia Rurale Cinese.”

Follow and like us:
0
, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WordPress spam blocked by CleanTalk.
Facebook
LinkedIn
YouTube