fbpx

Morgan Stanley positiva sul mercato di Shanghai. Ma…

Morgan Stanley, in un recente studio, ritiene che la possibilità di un nuovo rialzo nel mercato di Shanghai sia abbastanza elevata. Il motivo, sempre secondo la Banca d’Affari americana, e’ dovuto al fatto che la Cina possa essere in grado di gestire il proprio debito pubblico ed evitare, così, una crisi finanziaria sistemica, ed allo stesso tempo riuscire a ri-bilanciare la propria economia. Ritengo, invece, che il ri-bilanciamente dell’economia cinese non si stia realizzando in modo sufficientemente veloce. Quando una qualsiasi banca centrale abbassa i tassi, gli investimenti tendono ad aumentare. Quindi, l’obiettivo di bi-rilanciare l’economia non può essere raggiunto facilmente con una politica monetaria ribassista.

Cina-USA: La fine della guerra sulle valute?

Un portavoce del Ministero degli Esteri cinese ha dichiarato che la Cina conta di risolvere le dispute riguardo la valutazione del RMB nei modi appropriati. A mio avviso, la svalutazione competitiva del RMB per stimolare le esportazioni è stata più una cosa del passato, durante i primi periodi del post-WTO. L’Italia dovrebbe anch’essa tenere presenti queste dinamiche, specialmente quando il dibattito nostrano si sposta su “Euro Si-Euro No”.

Usare le previsioni dei ricavi fiscali come misura per la crescita del Pil

Secondo la relazione annuaale della provincia dello Hunan in China, il governo centrale stima che i ricavi fiscali a livello nazionale possano crescere del 5%, mentre i ricavi dei governi locali aumenteranno del 6%. Tra le 29 provincie che hanno gia’ annunciato i loro obbiettivi di crescita per il 2017, soltanto 9 di queste hanno target al di sotto del 6% ((Fujian, Gansu, Guangxi, Jiangsu, Jiangxi, Liaoning, Xinjiang al5%, Yunnan al 4% e Jilin al 3%)

Facebook
LinkedIn
YouTube