fbpx

Il progetto di Xi per “abbellire le campagne”

Il presidente Xi Jinping ha chiesto sforzi a livello nazionale per emulare la trasformazione della provincia del Fujian, nella Cina orientale, e “costruire una bella campagna” con un ambiente di vita piacevole, mentre l’urbanizzazione e la riduzione della povertà continuano. C’è anche la necessità di migliorare la qualità della vita per tutti i residenti rurali. Quindi, che cosa significa l’esperimento di qualche anno fa per lo sviluppo rurale cinese? Il modello usato nella regione dello Zhejiang sarà applicabile nella nuova strategia di rivitalizzazione rurale cinese? In che modo la tradizione e la modernizzazione dovrebbero essere bilanciate nello sviluppo rurale nazionale?

————————————————————————————

Questa intervista fa parte del programma “Dialogo” di Yang Rui su CGTN. I principali argomenti discussi sono stati: l’economia rurale cinese e il suo sviluppo. Sulla base dell’esperimento sperimentato nelle aree rurali lasciate alle spalle dall’industrializzazione, Xi ha annunciato un piano per “abbellire la campagna,” sul modello dello Zhejiang. Nell’intervista spiego alcuni fattori e informazioni importanti da prendere in considerazione per capire se questo nuovo obbiettivo può essere raggiunto.

————————————————————————————

Oltre alla posizione geografica unica dello Zhejiang, che è naturalmente molto vicino ad altri luoghi prosperosi, come Shanghai o altri nella regione del Delta del fiume azzurro. Cosa c’è di speciale in questo posto e quali sono le cose di cui le persone come il Presidente Xi Jinping dovrebbero essere così orgogliose? Cosa ne pensi dell’imprenditorialità e della diligenza degli abitanti del posto, che si ritene abbiano aver contribuito enormemente alla prosperità del Zhejiang?

Studiamo in Europa il famoso modello di Wenzhou, una delle città nella parte meridionale dello Zhejiang, al confine con Fujian. Questo gruppo di persone è riuscito, come sai, a uscire da situazioni economiche difficili. Sono italiano e vedo che ci sono molti migranti di Wenzhou che vengono in Italia, circa 400.000 persone di Wenzhou vivono in Italia e anche in Italia continuano questa tradizione di duro lavoro. Spesso iniziano con l’apertura di ristoranti, l’importazione di vestiti e computer, proprio come era negli anni Ottanta. Ora abbiamo i cinesi di seconda generazione di Wenzhou che si sono diplomati nelle migliori business school in Italia, come la Bocconi. In un così breve periodo di tempo, all’interno di una generazione, sono passati da migranti, che vanno a cercare fortuna, fino ad avere figli che si trovano ai vertici della società economica italiana. Questo è, a mio avviso, senza precedenti nella storia della migrazione. Abbiamo avuto migrazioni negli Stati Uniti, ma ci è voluto più tempo. Qui abbiamo un riconoscimento molto forte e molto rapido delle abilità, come hai detto tu, lo spirito imprenditoriale, in modo che ovunque vadano avranno successo.

In questa fase dello sviluppo sociale, temo che un altro aspetto della trasformazione riguardi l’ideologia. Nei primi tre decenni, in particolare, credo che il mercato privato e il settore non pubblico dell’economia cinese abbiano beneficiato enormemente del pragmatismo di Deng Xiaoping. Oggi l’ideologia neoliberale è molto pericolosa, quella dei conservatori. L’ideologia ufficiale va contro l’ideologia capitalista, come l’economia di mercato liberale, la pianificazione centrale è rafforzata. Cosa ne pensi e quali saranno i prossimi passi del settore non pubblico?

Insegno e lavoro alla Nottingham University e alla Zhejiang SEO, in due diverse città dello Zhejiang, Hangzhou e Ningbo. Penso che le persone nello Zhejiang vadano oltre l’ideologia. Sono principalmente guidati dal fare soldi, come la maggior parte delle persone nel mondo. Quindi, si adatteranno a qualunque sia la decisione e il piano dal governo centrale o dal governo locale, proprio come è successo a Wenzhou molti anni fa. Perché va ricordato che Wenzhou ebbe un tale successo perché la regione era geograficamente un po’ isolata, il fatto che fosse un po’ esclusa dallo sviluppo della nuova era, dove iniziò la riforma, ha spinto le persone di Wenzhou fare qualcosa per se stessi. Ningbo è il più grande porto mercantile in Cina e nel mondo e così, nonostante le sfide che abbiamo, come l’aumento delle tariffe, la guerra commerciale con gli Stati Uniti o qualsiasi altra cosa, è ancora un ottimo esempio di come la regione sia guidata da obiettivi economici e come questi vengano sempre soddisfatti.

Cosa ne pensi del terreno agricolo? Gli agricoltori che useranno la loro terra, vale a dire la loro proprietà, per arricchire le loro vite, per diventare ricchi. Tuttavia, il terreno non può essere venduto per ragioni commerciali.

No, non ancora. Stiamo esaminando la riforma, quindi ricordiamoci che la Cina è un grande paese con 1,3 miliardi di persone. Pertanto, le riforme devono prendere la loro velocità e abbiamo visto un grande miglioramento grazie alle riforme agrarie. Ho viaggiato a Guizhou alcuni anni fa, per fare qualche analisi, e quello che vediamo è che in Cina ogni cittadino rurale viene assegnato con circa 2 mu di terra. Stiamo parlando di circa 1.400 metri quadrati a persona, i contadini non hanno il diritto di venderlo, ma hanno il diritti d’uso. All’inizio degli anni Ottanta questi diritti d’uso erano per un periodo di 15 anni, che poi è stato esteso a 30, quando la scadenza era vicina. Ora siamo a 45 anni in totale ed oggi siamo vicini alla data di scadenza del secondo mandato e molto probabilmente ci sarà un’ulteriore estensione. Pertanto, mentre da un punto di vista giuridico gli agricoltori non hanno il diritto di proprietà, hanno il diritto di utilizzo e negli ultimi anni abbiamo anche visto gli agricoltori affittare il loro appezzamento di terra. Hai menzionato la gente del Liaoning, Dongbei, Shenyang perché queste province industriali nel nord-est sono state pesantemente colpite dalla crisi finanziaria e così le persone si sono trasferite nelle aree urbane. Le loro terre furono lasciate incolte e probabilmente non la usarono in modo efficiente, così provarono a riallocare la terra. In questo modo, le persone che si erano trasferite in città consegnarono il pezzo di terra a coloro che  rimasero in quelle zone. In qualche modo, questo è un ottimo modo per aumentare la produttività media. Uno dei problemi principali dell’economia rurale cinese è che la scala ridotta dell’operazione, come ho detto ca. 1.000 metri quadrati a persona, non è sufficiente per avere economie di scala. Ora, quando la gente si è trasferita in città, la terra è stata trasferita e la terra media, il pro-capite, è cresciuto. Anche se non raggiungeremo le dimensioni degli Stati Uniti, con centinaia o migliaia di chilometri di campi di mais, tuttavia, in generale, entriamo in una scala più elevata. Inoltre, non dimentichiamo il punto numero otto del piano China Manufacturing, che riguarda il miglioramento delle macchine agricole. In effetti, oltre ad avere il problema della distribuzione dei terreni  è necessario alzare la qualità degli attrezzi agricoli. Il software è già lì, perché gli agricoltori hanno l’esperienza, se la Cina riuscirà a risolvere il problema della proprietà della terra o dell’utilizzo del terreno combinandola con il miglioramento dei macchinari, ancora un po’ arretrati, penso che il paese prospererà. Il reddito medio di un agricoltore medio cinese è cresciuto dal ’78 di 100 volte. Nel 1978, l’agricoltore medio aveva un reddito di 130 RMB all’anno e ora è di 13000 RMB. Non conosco nessun paese della stessa dimensione della Cina, che è riuscito a far aumentare le entrate di tutti i cittadini di 100 volte. Quando parliamo del miracolo delle tigri asiatiche, dobbiamo ricordare che è più facile migliorare le cose in paesi come Singapore, Malesia o Vietnam, ma quando lo fai per 1,3 miliardi di persone, cioé 1/5 del mondo, è davvero diverso. La Cina ha aumentato i redditi dei cittadini rurali da 100 RMB a 13.000 RMB. Questo mi sembra un successo economico e sociale senza precedenti e quando prevediamo cosa accadrà nel prossimo futuro, non dobbiamo dimenticare ciò che è accaduto in passato.

Questi progetti (vale a dire i servizi sociali) neceassitano di molto denaro, la Cina ha bisogno di denaro per la spesa pubblica e deve essere fornita una somma sufficiente. Tuttavia, la Cina spende così tanto denaro nella difesa e per mantenere la stabilità sociale. Pensa che questo porterà ad un incremento delle tesse per i consumatori o per le imprese?

No, non credo sarà così. Ricordiamo che la Cina spende anche molto denaro nel campo della ricerca e dello sviluppo. Una percentuale del 2,8% del PIL viene destinato alla ricerca, un numero due volte superiore rispetto a quello italiano e leggermente più alto di quello Europeo,  nella media persino più alto di quello della Germania. Questo va avanti da un certo numero di anni e non si tratta di denaro sprecato. Faccio uno scherzo quando insegno finanza ai miei studenti, una cosa è spendere soldi e un’altra cosa è investirli. I cinesi consumano e questo è il motivo per cui il consumo cresce e questo è il motivo per cui il PIL cresce. Hai citato il modello di Chongqing, quello che sta facendo il governo cinese è una strategia molto intelligente. Invece di spostare persone provenienti dalla parte occidentale della CIna verso la costa est di Shanghai, con un  viaggio di 2.000 chilometri per rimanere nella metropoli tutto l’anno, e tornare a casa una volta all’anno, lasciando così la famiglia alle spalle; al contrario, il governo sta urbanizzando l’Occidente, quindi i contadini delle zone più povere dell’ovest non hanno bisogno di andare a Shanghai. Con meno manodopera nella regione del delta del Fiume Azzurro, la Cina si sposta verso il settore dei servizi, il che significa meno lavoro. Quindi, la carenza di manodopera che, l’area urbana sperimenterà, a causa delle persone che rimangono a Guiyang, nel Guizhou, non sarà così importante. Vivere più vicino alla loro città permetterà alle persone di tornare più spesso alle loro famiglie, questa è la cosa più importante. Lo Zhejiang andrà comunque avanti molto bene. Se il mercato del lavoro perde forza lavoro, non importa, si riadattorterà ancora più velocemente e salirà la catena del valore, fino al servizio che richiede meno lavoro e più software.

Cosa ne pensi della strategia nazionale di sicurezza alimentare? Credo che sia una parte importante della strategia di rivitalizzazione.

È certamente molto importante. Un paese normale potrebbe fare affidamento sulle importazioni da altri paesi, ma la Cina è un paese che rappresenta 1/5 del mondo, rendendo tutto un po’ più impegnativo. Quindi, la Cina ha bisogno di produrre a livello nazionale. La tassa sui semi di soia non rappresenterà un ammontare improtante di soldi, stiamo parlando di decine di miliardi di dollari, che il governo può rapidamente riallocare nel bilancio. Il bilancio cinese è grande e la Cina ha un eccesso economico di 12 trilioni di dollari USA. Questa guerra commerciale con gli Stati Uniti rappresenta pochissimi soldi, quindi anche quando la Cina aggiunge tasse, in realtà non cambia la propensione al consumo. Pensiamo, un attimo, anche ai tipi di prodotti che la Cina produce con la soia, principalmente due cose: produce olio e mangimi,in particolar modo per i suini. La soia non è un prodotto di consumo diretto. La grande quantità che la Cina importa, cinque volte quella che produce, viene utilizzata per produrre un quinto di ciò di cui ha bisogno. Anche se ciò significa cambiare la catena di produzione sostituendo i semi di soia con altri alimenti, può essere fatto a poco a poco. Inoltre, la soia non è il prodott principale di cui la Cina ha bisogno, ci sono anche riso, mais, maiale e altro ancora.

La sfida è la seconda generazione di piccoli-medi imprenditori. Questi ragazzi amano lo stile di vita della classe media in Italia, in Francia o in Spagna, negli Stati Uniti. Quindi, odiano vivere in campagna circondati dalla spazzatura bianca, i rifiuti industriali. Pensi che ereditare  e portare avanti le piccole imprese, molto spesso famigliari, possa essere un problema?

Questo è un piccolo problema, ma è un problema che era stato già affrontato due anni fa. Ogni volta che parlo con le mie controparti italiane e con le mie controparti europee, devo sempre citare i numeri perché solo i numeri danno l’idea esatta e possono mostrare la grandezza di ciò che la Cina ha fatto e sta facendo. Investimenti in veicoli elettrici e in energia pulita. La Cina avrà 35 milioni di veicoli elettrici entro il 2025. Questo è N volte di più rispetto a quanto non voglia fare il resto del mondo. La Cina sta comprando litio e cobalto in tutto il mondo per fabbricare le batterie elettriche; le miniere di carbone sono molto sporche e per questo motivo vengono chiuse. L’efficienza energetica o l’energia pro-capite sta migliorando. Inoltre, la Cina è andata a Parigi come campione del riscaldamento globale, che sembra combattere di più di quanto non facciano Stati Uniti e Giappone.

 

Follow and like us:
0
,
One comment on “Il progetto di Xi per “abbellire le campagne”
  1. Molto interessante. Un costo del lqvoro bassissimo ed una capacità di offerta illimitata si sono alimemtati di mercati ricchi e consolidati. Queste le fondamenta di questi pilastri, in attesa del consolidamento dsl.mercato interno, anch’esso illimitato. Credo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WordPress spam blocked by CleanTalk.
Facebook
LinkedIn
YouTube