Teorie e prospettive sul processo di globalizzazione 🔴

ULTIMI POST

Diamo un’occhiata alla globalizzazione e ad alcune delle sue teorie e prospettive diverse. In generale la globalizzazione è la condivisione della cultura, del denaro e dei prodotti tra i paesi che avviene a causa del commercio internazionale e dei progressi nei trasporti e nella comunicazione.

Si potrebbe pensare che la globalizzazione sia uno sviluppo recente, ma in realtà il commercio internazionale ha influenzato i cambiamenti oltre frontiera per secoli.

Le rotte commerciali della seta e delle spezie attraverso l’Asia orientale, iniziate già nel I secolo a.C., introdussero diverse culture e collegarono le economie di diverse nazioni. Come fecero gli imperi mercantili inglesi e olandesi nel XVI secolo.

La globalizzazione è anche un processo sociale in cui le persone diventano sempre più consapevoli di altre culture e popoli, oltre i confini politici e sociali geografici.

L’interdipendenza economica dei diversi paesi, così come i progressi nella tecnologia della comunicazione e il progresso della tecnologia in generale, hanno contribuito alla globalizzazione.

Ci sono molte teorie della globalizzazione. Guardiamo prima alla teoria dei sistemi mondiali.

La teoria dei sistemi mondiali si concentra sul l’importanza del mondo come unità, piuttosto che su singoli paesi. Divide il mondo in tre regioni: paesi centrali, paesi periferici e paesi semi-periferici.

I paesi chiave comprendono aree come l’Europa occidentale e gli Stati Uniti. Questi paesi hanno un governo centrale forte con abbastanza tasse per sostenerlo. Sono economicamente diversificati, industrializzati e relativamente indipendenti dal controllo esterno. Hanno forti classi medie e lavoratrici, e si concentrano sulla produzione di beni materiali di maggiore portata piuttosto che sulle materie prime.

I paesi periferici sono quelli dell’America Latina e dell’Africa e tendono ad avere un governo relativamente debole. Essi tendono a dipendere da un solo tipo di attività economica, come l’estrazione di materie prime. C’è un’alta percentuale di persone povere e non istruite, così come una piccola classe superiore che controlla la maggior parte dell’economia. E questo crea un’enorme disuguaglianza nella popolazione. Questi paesi sono fortemente influenzati da paesi chiave e società transnazionali. Che possono danneggiare le potenzialità economiche future dei paesi periferici.

Paesi semi-periferici come l’India e il Brasile costituiscono la via di mezzo tra Core e Periferia. Spesso non sono dominanti nel commercio internazionale, ma hanno un’economia relativamente diversificata e sviluppata. Questi paesi semi-periferici possono provenire sia dai paesi periferici che si muovono verso i paesi industrializzati Core, sia dai paesi Core che stanno declinando verso la Periferia.

La Teoria dei sistemi mondiali è un modello fluido, ma è criticata per essere troppo concentrata sull’economia e sui paesi centrali, e per aver dimenticato la cultura o anche le lotte di classe dei singoli paesi.

Poi abbiamo la teoria della modernizzazione che propone che tutti i paesi seguano un percorso di sviluppo simile da una società tradizionale a una moderna. Presuppone che con qualche aiuto i paesi tradizionali possano svilupparsi in paesi moderni allo stesso modo in cui si sono sviluppati i paesi moderni. Essa esamina le dinamiche sociali interne come il paese si adatta alle nuove tecnologie, e i cambiamenti politici e sociali che si verificano.

La teoria della dipendenza era una reazione alla teoria della modernizzazione, e usa l’idea dei paesi Core e Periphery della teoria dei sistemi mondiali per esaminare le disuguaglianze tra i paesi. Fondamentalmente è l’idea che la periferia o paesi del terzo mondo sono poveri e le risorse di esportazione per il nucleo ricco o paesi del primo mondo. Non perché si trovino in una fase iniziale di sviluppo, ma perché sono stati integrati nel sistema mondiale come paese non sviluppato. Hanno strutture e caratteristiche proprie che non si vedono nei paesi sviluppati, e non accelereranno per diventare una nazione sviluppata. Sono in una posizione economica sfavorevole che significa che non hanno nemmeno la possibilità di migliorare e sviluppare. Rimarranno poveri e dipendenti dalle nazioni più ricche.

Queste sono solo alcune delle teorie della globalizzazione. Ci sono molte altre che guardano: cultura, o social networking, economia, politica, o anche beni.

Il mondo è ora un luogo affollato e vivace dove eventi e cose possono avere un effetto in tutto il mondo. Ci sono anche diversi modi di guardare alla globalizzazione.

La prospettiva iperglobalista vede la globalizzazione come un processo legittimo, una nuova era nella storia umana. Le economie dei paesi diventano interdipendenti man mano che gli stati nazionali stessi diventano significativamente meno importanti. Molti singoli paesi diventano una società globale, anche se i teorici non sono d’accordo se questo è buono o cattivo.

La prospettiva scettica è critica della globalizzazione e considera i processi internazionali di oggi come regionalizzati piuttosto che globalizzati. I confini dei paesi non stanno diventando meno importanti. I paesi del terzo mondo non sono integrati nell’economia globale con gli stessi benefici dei paesi del primo mondo. Gli scettici non credono che l’economia attuale porti al capitalismo globale.

Infine esistono i fautori della prospettiva trasformazionista che non ha una causa specifica o un risultato specifico. Essi ritengono che i governi nazionali stiano cambiando, forse diventando meno importanti, ma è difficile descrivere il cambiamento in modo così semplice. Per quanto riguarda la forte presa di posizione degli scettici nei confronti dell’emarginazione dei paesi del terzo mondo, i trasformazionisti si limitano a constatare che l’ordine mondiale sta cambiando. In quali modelli specifici sono incerti, solo che un nuovo disegno di ordine mondiale si sta sviluppando. Essi affermano che ci sono molti fattori che influenzano il cambiamento dei modelli mondiali, ma che i risultati di questi cambiamenti non sono noti. La globalizzazione ha causato molti cambiamenti nella società. Ha permesso il terrorismo internazionale e i disordini civili in quanto diverse nazioni sono inondate da culture straniere. Ha anche creato un’economia mondiale in cui diversi paesi sono interdipendenti l’uno dall’altro promuovendo una comunità globale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

MORE FROM THIS TOPIC