La centralità della governance cinese aiuta o frena l’innovazione?

ULTIMI POST

Il nuovo piano quinquennale della Cina si concentra sull’autosufficienza più di ogni altro dall’inizio della sua riforma e apertura. Ma a meno che il governo non riconosca i limiti dell’autoritarismo, delle direttive dall’alto verso il basso e del controllo sociale, è probabile che soffocherà l’innovazione e non raggiungerà i suoi ambiziosi obiettivi di sviluppo.

L’incontro di quest’anno della legislatura cinese, il Congresso Nazionale del Popolo, è stato uno dei più importanti degli ultimi tempi. La Cina sta affrontando l’ambiente esterno più ostile da decenni, con un numero crescente di paesi che respingono la sua repressione politica e la diplomazia coercitiva. E l’imperativo di rimodellare il proprio modello di sviluppo economico è più urgente che mai. Mentre i leader cinesi ora evitano ogni accenno alla cosiddetta trappola del reddito medio, la loro determinazione ad evitare questa minaccia incombente è chiara.

Per affrontare le sfide future, la Cina punta sul suo 14º Piano quinquennale, approvato ufficialmente nel corso della recente riunione. Il piano dovrebbe garantire che la Cina sia sulla buona strada per raggiungere il suo grandioso obiettivo a lungo termine, affermato anche all’incontro, di diventare un “paese socialista modernizzato” – con un reddito pro capite di livello OCSE – entro il 2035.

Leggi l’articolo completo di George Magnus (Università di Oxford) su project-syndicate.org (lingua inglese)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

MORE FROM THIS TOPIC