Stati Uniti e Cina sono condannati a lavorare insieme, o sarà la fine per tutti

ULTIMI POST

Thomas L. Friedman, autore, commentatore politico ed editorialista settimanale del New York Times, e Wang Huiyao, presidente di CCG (Center for China & Globalization), hanno discusso online del futuro della globalizzazione e delle relazioni Cina-USA il 29 marzo.

NOTA BENE

Il testo è una traduzione dell’articolo originale (lingua inglese) di Center for China and Globalization –  ccg.org.cn

Wang: Come vede la nuova tendenza della globalizzazione?

Friedman: Il mondo di oggi, in realtà, è più unito che mai. Non abbiamo mai collegato più nodi diversi quanto oggi. Il mondo non è solo unito ora. È fragile. È fragile perché quando si connettono così tanti nodi, e poi si accelera la connessione tra quei nodi e si tolgono i buffer, si ottiene fragilità.

Wang: Penso che la globalizzazione stia accelerando in una certa misura, grazie alla tecnologia. Ma il flusso di capitali e di beni e il flusso di talenti sono diventati in realtà più. veloci e più voluminosi di prima. Cosa pensi della tendenza futura?

Friedman: Il mondo è veloce, fuso, profondo e aperto.

Quando dico che il mondo è veloce ora, intendo dire che c’è stata una variazione nel ritmo del cambiamento.

Secondo, il mondo non è solo piatto ora, è fuso. Non siamo solo interconnessi, ora siamo interdipendenti. Siamo fusi dalla tecnologia e dal clima.

Terzo, il mondo è diventato profondo. Profondo è la parola più importante di quest’era. Perché quello che abbiamo fatto ora è che (abbiamo) messo sensori ovunque. Ora la nostra conoscenza di questo è profonda. È molto profonda. Ecco perché questa parola profonda. Abbiamo dovuto coniare un nuovo aggettivo stato profondo, mente profonda, medicina profonda, ricerca profonda, falso profondo per descrivere il fatto che questo sta andando in profondità dentro di me. Posso sedermi qui a Washington e guardare le immagini satellitari pubblicamente disponibili di diverse parti della Cina da Google Earth, dal satellite spaziale europeo.

E infine, si sta aprendo radicalmente. Con questo, ogni cittadino è ormai un paparazzo, un regista, un giornalista, un editore, senza editore e senza filtro.

Così il mondo sta diventando veloce, fuso, profondo e aperto. Questa è la sfida di governo centrale oggi.

Come si governa il mondo che è così veloce, fuso, profondo e aperto? Questa è la nostra sfida.

Wang: Con il mondo che cambia velocemente, il sistema che abbiamo costruito si basa sul sistema di Bretton Woods dopo la Seconda Guerra Mondiale. Quindi siamo abbastanza attrezzati per affrontare tutte queste nuove sfide?

Sono lieto di vedere il Presidente (Joe) Biden firmare l’ordine per gli Stati Uniti di tornare all’accordo sul clima di Parigi. Come ha intervistato il Presidente Biden prima che entrasse in carica, cosa pensa di questi nuovi buffer che stiamo cercando di costruire? Stiamo perdendo questo perché la governance globale è in ritardo?

Friedman: Quando il mondo diventa così veloce, fuso, profondo e aperto, l’unico modo in cui possiamo governarlo efficacemente è con coalizioni adattive complesse globali. Non possiamo gestire il cambiamento climatico senza che l’America, la Cina e l’Europa, in particolare, l’India, il Giappone e (la Repubblica di) la Corea, le grandi economie lavorino tutte insieme.

Il problema è la necessità di complesse coalizioni adattive. I governi stanno diventando sempre più nazionalisti.

E anche all’interno dei paesi, le aziende e i partiti politici stanno diventando più tribali, proprio quando hanno bisogno di essere più aperti e collaborativi, così il mondo sta combattendo con questa tendenza.

Wang: Sì, hai ragione. Penso che la governance globale sia davvero in ritardo rispetto alla pratica globale o alla globalizzazione.

Friedman: Ma il problema è che ora c’è tutta una serie di problemi che possono essere gestiti in modo efficace solo con la governance globale, i flussi finanziari, il commercio, il clima, i flussi di lavoro richiedono una governance globale, ma non c’è un governo globale.

Quando gli Stati Uniti e la Cina, le due maggiori economie iniziano a combattere nel mezzo, la situazione peggiora ancora, fondamentalmente.

Wang: La Cina ha aderito all’Organizzazione Mondiale del Commercio 20 anni fa e il suo PIL è cresciuto da 10 a 12 volte. La Cina è stata in grado di prosperare in quanto ha abbracciato la globalizzazione e sollevato 800 milioni di persone dalla povertà. Ma a volte, la Cina è accusata di molte cose dai paesi occidentali.

È possibile che ogni paese abbia i propri problemi e che la Cina debba affrontarli? In particolare, nell’era (Donald) di Trump, durante la quale ha dato tutta la colpa alla Cina per il divario crescente quando la Cina è effettivamente riuscita a sollevare 800 milioni di persone dalla povertà. Forse abbiamo bisogno di avere una sorta di consenso globale, o di nuove narrazioni globali.

Friedman: Penso che i quattro decenni di relazioni USA-Cina dal 1979 al 2019 saranno un’epoca nelle relazioni USA-Cina. Purtroppo, quell’epoca è finita. Che cosa era quell’epoca circa? Quell’epoca era un periodo di quella che io chiamo integrazione inconscia, inconscia, non perché non ci stavamo pensando, ma perché era così facile.

Per la maggior parte di quei 30-40 anni, la Cina ci ha venduto per lo più beni poco profondi, vestiti che indossavamo sulle spalle, scarpe che indossavamo in piedi, pannelli solari che abbiamo messo sul nostro tetto. Io li chiamo beni superficiali. Vendevamo beni in Cina, cose come computer, software, cose che entravano nel CCG, proprio nel tuo ufficio, computer americani, software, quando ci vendevi solo prodotti superficiali, non ci importava del tuo sistema politico.

Ma se volete vendermi beni profondi, se volete che Huawei risponda al mio telefono improvvisamente, la differenza di valori è importante.

 

È qui che l’assenza di fiducia condivisa tra i nostri due paesi ora conta davvero. Ora, stiamo avendo uno scontro sui valori in un modo che non abbiamo fatto durante quegli sforzi di 40 anni. E questo sarà un problema, perché la nostra differenza di valori lo sta rendendo molto, molto complicato e perché la Cina è più ricca ora e più potente. È anche in grado di affermare se stesso e i suoi valori in patria e all’estero, in modo più potente.

E così, abbiamo molto lavoro da fare. La grande domanda è, possiamo tornare a un progetto comune, un progetto condiviso? Perché la relativa pace e prosperità del mondo per quei 40 anni 1979-2019 che era la relativa pace e prosperità del mondo, al centro, erano le relazioni Cina-USA. Se lo distruggiamo, il mondo non sarà così prospero e non sarà così pacifico.

Quando sta diventando veloce, fuso, profondo e aperto, non sarà governato nel modo in cui deve essere. Quindi abbiamo bisogno di avere alcune conversazioni molto profonde.

Wang: Hai ragione, dobbiamo guardare ai valori ma dovremmo anche avere una nuova narrazione, perché penso che quello che la Cina ha fatto negli ultimi 40 anni, compresa l’apertura, l’abbia trasformata oltre ogni riconoscimento.

In particolare quest’anno, il governo ha annunciato di aver sollevato 800 milioni di persone dalla povertà e di aver completato il tredicesimo piano quinquennale (2016-20) e il primo piano centenario e ora stanno lanciando il quattordicesimo piano quinquennale (2021-25) e anche entro il 2035 la Cina dovrebbe raddoppiare il suo PIL.

Quindi il successo della Cina non è realmente basato su un sistema puramente tradizionale, vecchio e ortodosso, come alcuni americani lo capiscono. Con un sistema che ora combina tecnologia, democrazia, mercato, economia e meritocrazia, la Cina sta ottenendo buoni risultati.

Come ha detto Deng Xiaoping, non importa se si tratta di un gatto bianco o nero, fintanto che può catturare i topi. Quindi, se la Cina può sollevare 800 milioni di persone dalla povertà, e anche mantenere il pedaggio COVID-19 molto basso, questo è probabilmente il più grande successo per i diritti umani in una situazione del genere.

E forse dovremmo essere un po’ più tolleranti con i diversi sistemi. Come ha detto il Presidente Biden, abbiamo concorrenza, anche feroce, ma possiamo anche cooperare. E come ha detto il Ministro degli Esteri cinese (Consigliere di Stato e) Wang Yi alla sessione annuale del Congresso Nazionale del Popolo, per la prima volta possiamo avere una competizione pacifica e cooperazione. Quindi, non facciamo un’altra Guerra Fredda e molta gente in Cina pensa che ci sia molto da recuperare l’uno dall’altro.

Friedman: Noi due possiamo distruggerci a vicenda, possiamo distruggere l’economia globale, possiamo distruggere il clima globale. Quindi siamo destinati a lavorare insieme. Quello che mi preoccupa ora è che non stiamo avendo il tipo di dialogo franco ma rispettoso di cui abbiamo bisogno. E poi allontanarsi da quel dialogo con una lista di cose da fare.

I 40 anni dal 1979 al 2019 saranno visti come un’epoca d’oro di prosperità relativa globale e di pace. E il nucleo di esso era gli Stati Uniti e la Cina. Se si strappa quell’angolo, il mondo avrà un brutto anno, anno dopo anno, se non troviamo un modo per noi e la Cina di lavorare insieme.

Wang: Sì, penso che come le due più grandi economie del mondo, ora abbiamo una responsabilità morale e il dovere di lavorare davvero insieme. Sono d’accordo con lei, quindi il giornalismo dovrebbe riprendere, così dovrebbe essere il consolato degli Stati Uniti, e dovremmo intensificare gli scambi. La Cina ha circa 400.000 studenti negli Stati Uniti e gli Stati Uniti hanno solo circa 10.000 in Cina Spero che possiamo attrarre più studenti statunitensi in Cina.

Hai anche menzionato il disaccoppiamento, penso sia molto difficile da disaccoppiare. Quando hai parlato di Huawei, forse stavi dicendo che dovremmo davvero lasciarlo sperimentare negli Stati Uniti in modo da costruire la fiducia. Come hai detto tu, la costruzione della fiducia tra noi dovrebbe avere un nuovo inizio durante l’amministrazione Biden.

Friedman: Sono molto convinto di questo perché se andiamo in una Guerra Fredda tecnologica, credo che non sarà un male per il mondo (solo) ma per l’America (anche). Penso che la cosa migliore al mondo sia l’interdipendenza reciproca. Voglio che la Cina (sia) dipendente dai chip Intel e sono totalmente a mio agio se l’America dipende dalle catene di fornitura cinesi. Penso che più diventiamo interdipendenti, più la politica seguirà.

I paesi si muovono a ritmi diversi, come tre passi avanti e mezzo (un) passo indietro. Sono fiducioso che mentre la Cina si sviluppa non solo dalla povertà, ma cresce anche una classe media che vuole viaggiare e avere i suoi studenti che vanno ovunque nel mondo, la linea di tendenza verso l’apertura continuerà. Quindi dovremmo avere un po’ di fiducia anche in questo. Penso che più ci integriamo, più questo accadrà. Ma abbiamo questo problema di fiducia di base.

Ci saranno questioni commerciali e questioni di equità che sono molto gravi, che dobbiamo affrontare, ma dobbiamo allontanarci dal tipo di riunione in Alaska, lontano dalle chiamate a nome pubblico e arrivare a qualche cosa di veramente difficile su questioni come il commercio. Questo è ciò che effettivamente cambierà la dinamica nella relazione.

Wang: Esatto. Ho visto che il presidente Biden non parlava di rivalità, ma di competizione alla Conferenza di Sicurezza di Monaco. L’amministrazione statunitense non cerca il confronto. E la Cina sottolinea sempre la coesistenza pacifica.

Come hai detto, entrambe le parti possono fare un sacco di cose. Se abbiamo valori comuni come la prosperità del mondo, possiamo veramente abbandonare una mentalità antiquata e poi guardare ai fatti e concentrarci sull’efficacia e l’efficienza.

Una delle cose che ho notato è che ci sono probabilmente due consensi nel Congresso degli Stati Uniti. Uno è sulla Cina e un altro sulle infrastrutture. Gli Stati Uniti hanno bisogno di rinnovare le loro infrastrutture e la Cina è il migliore al mondo in quanto la più lunga rete di treni veloci, ponti più lunghi, l’80 per cento dei ponti più lunghi sono stati costruiti in Cina. Quindi forse gli Stati Uniti e la Cina possono collaborare.

Forse possiamo elevare la Banca asiatica per gli investimenti infrastrutturali, l’AIIB, alla Banca mondiale per gli investimenti infrastrutturali, alla quale possono aderire gli Stati Uniti e il Giappone, le uniche due grandi economie che non esistono ancora. Quindi possiamo collaborare su questo.

Dopo 75 anni di ONU e dopo la pandemia del COVID-19, possiamo avere una nuova aggiunta alla governance globale. Un nuovo meccanismo in grado di garantire pace e sicurezza, piuttosto che nessun governo e tutti che combattono, e poi saremmo davvero sull’orlo di una guerra.

Graham Allison ha ragione, affronteremo un’enorme distruzione reciproca se non stiamo molto attenti.

Quindi, come possiamo migliorare le relazioni? Penso che i leader di opinione come te sono grandi. C’è un po’ di differenza culturale piuttosto che ideologica, e probabilmente dobbiamo stare più attenti quando vediamo le differenze.

Friedman: La Cina ha una formula per il successo. Avevamo una formula per il successo, ma ci siamo allontanati dalla nostra formula per il successo. Se siamo l’economia e la società più dinamiche, attraenti e convincenti del mondo, per me, questa è la politica migliore perché la gente ci guarderebbe e direbbe, “vogliamo di più”.

Wang: Hai assolutamente ragione. Gli Stati Uniti e la Cina, come le due maggiori economie del mondo, devono lavorare insieme. Cerchiamo di avere una competizione pacifica piuttosto che confronto e rivalità. Abbiamo le nostre differenze ma costruiamo un sistema più trasparente con regole in termini di concorrenza.

Friedman: Hai solo una possibilità di fare una seconda impressione. Non la prima impressione che hai solo una possibilità di fare una seconda impressione. Cina e America hanno davvero bisogno di fare una seconda impressione l’uno sull’altro in questo momento. Entrambi abbiamo bisogno di dare l’un l’altro un nuovo sguardo, un secondo sguardo. Penso che questo accadrà solo se ognuno di noi farà qualcosa di un po’ difficile.

Wang: C’è un modo migliore per raccontare la storia della Cina. E mi ha fatto piacere vedere il Segretario di Stato (Antonio) Blinken dire che gli Stati Uniti non hanno più bisogno di rovesciare i governi stranieri. Ora c’è una coesistenza più pacifica e la Cina e gli Stati Uniti hanno bisogno l’uno dell’altro per mantenere la stabilità globale.

Friedman: Penso che quello che è successo in Alaska sia stato un colpo di gola necessario per entrambe le parti. E Joe Biden è un presidente stabile, non è come Trump. È un partner per un dialogo serio e sono ancora fiducioso che entrambe le parti si siano tolte tutto il peso in modo che possano sedersi e avere il tipo di dialogo che io e te stiamo avendo, che è onesto, Ma anche dove abbiamo deciso di fare qualcosa e portare la relazione dove deve essere.

APPROFONDIMENTI E FONTI

  • A Dialogue Between Thomas L. Friedman and Wang Huiyao: The World is Faster, Deeper, More Fused and Open, Also Fragile – Center for China and Globalization –  ccg.org.cn

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

MORE FROM THIS TOPIC