Il coordinamento globale è necessario per affrontare le questioni globali

ULTIMI POST

I problemi globali richiedono soluzioni globali e le soluzioni globali richiedono ai paesi di sedersi attorno a un tavolo e discutere i problemi. Questo dovrebbe accadere non solo con quei paesi che hanno una sorta di accordo, valori e principi comuni, ma anche, cosa più importante, con quei paesi che hanno visioni diverse del mondo. È quando si discute con persone che la pensano diversamente che l’umanità fa progressi. È il conflitto di idee che genera la soluzione.

È quindi della massima importanza che il G20 riacquisti il ​​suo ruolo nell’arena mondiale come una delle piattaforme più importanti che riunisce, ogni anno, paesi di ogni angolo del mondo per affrontare i problemi globali e portare sul tavolo diverse potenziali soluzioni . Sotto questo aspetto, è una cornice molto migliore rispetto al G7, un gruppo di “paesi affini” che (proprio perché hanno la stessa mentalità) ha meno probabilità di generare proposte interessanti. Sì, è facile essere d’accordo, perché quello è davvero il punto di partenza dell’incontro, ma poi si fanno pochi progressi durante l’evento vero e proprio.

Ho partecipato a due vertici del G20, uno in Argentina e uno in Giappone. So come si svolgono le discussioni: è un mix di eventi formali con tutti i leader nella stessa stanza, più una rete di incontri bilaterali più piccoli. In passato, quegli incontri bilaterali dovevano essere usati come negoziazione pre-evento, scambio di idee in modo che le differenze potessero essere appianate prima della sessione plenaria. In questi giorni, nell’era delle restrizioni di viaggio, servono anche allo scopo di far stringere la mano alle persone ed essere in grado di discutere faccia a faccia, faccia a faccia senza che schermi di computer e videochiamate ostacolino la creazione di relazioni personali.

Ma come tutte le monete che hanno un lato positivo e uno negativo, entrare in un’unica stanza con i leader delle 20 economie pone le sue sfide: la discussione a volte può essere accesa, le posizioni iniziali a volte possono essere lontane l’una dall’altra. Ciascuno dei 20 governi può essere se stesso in diverse fasi del ciclo delle proprie politiche interne interne, poiché alcuni potrebbero essere nuovi leader del proprio paese e alcuni potrebbero lasciare presto il loro incarico. C’è un mix di discussione basata sui contenuti che deve essere allineata con le personalità nelle psicologie degli individui. Molto spesso, come è avvenuto durante l’incontro tra Cina e Stati Uniti in Alaska, il tono e il livello di accordo o disaccordo possono essere diversi da quando i leader parlano in privato rispetto a quando parlano davanti ai media.

Pertanto, è in questo contesto sia di sfide che di opportunità che il G20 di Roma di oggi e di domani ha bisogno di dare davvero risposte al mondo a tre domande fondamentali: Primo, il cambiamento climatico; secondo, recupero post-COVID-19; terzo, ripristinare relazioni economiche e geopolitiche sane e pacifiche tra l’Est e l’Ovest e tra il Nord e il Sud del mondo.

Dei tre, il più urgente è l’accordo sul cambiamento climatico. Tutti sono, ovviamente, importanti e idealmente richiederebbero sforzi concertati da parte del mondo intero. Ma anche le soluzioni subottimali dei singoli paesi possono essere una seconda scelta accettabile. Il coordinamento sarebbe stato migliore per garantire che, almeno, i viaggi di lavoro potessero essere garantiti, ma alla fine ogni soluzione ha contribuito a mitigare la diffusione del virus. Allo stesso modo, sulla questione del commercio, vogliamo che il commercio continui a essere fiorente, ma alla fine i paesi hanno da tempo, e quando possibile, cercato di fare sempre meno affidamento sulla domanda e sull’offerta esterna.

Per il clima, le soluzioni individuali non risolveranno i problemi. Anche se la Cina raggiungesse la neutralità carbonica prima del 2060, ciò farebbe poco all’aumento della temperatura mondiale se gli altri paesi non agissero in sincronia, e viceversa. Questo è il vero punto cruciale dell’incontro di oggi e di domani a Roma: non solo concordare un programma comune di riduzione delle emissioni, ma anche discutere i dettagli su come raggiungerlo, come coordinare gli sforzi per mantenere l’aumento della temperatura ben al di sotto dei due gradi, garantendo allo stesso tempo paesi le opportunità e il diritto di proseguire nel loro percorso di sviluppo.

Credo che queste siano le vere sfide che il mondo deve affrontare oggi e per dimostrare che seguo il discorso, sto spostando il mio focus di ricerca verso i problemi del cambiamento climatico e 25 anni dopo, mi riconnetto con il mio vecchio professore del MIT, John Sterman, e collaboro con lui e il suo team per contribuire ad aumentare la consapevolezza sul clima tra i leader globali.

NOTA BENE

L’articolo completo è disponibile su cgtn.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

L’importanza di Hong Kong per Pechino e la Cina

Ho rilasciato un'intervista per il quotidiano spagnolo La Razón, parlando del recente viaggio di Xi Jinping ad Hong Kong e di quanto sia importante...

MORE FROM THIS TOPIC