L’impronta ambientale della carta rispetto ai libri elettronici

ULTIMI POST

 

Ti sei mai messo volontariamente tra l’incudine e il martello? È così che si sente confrontare l’impronta ambientale dei media cartacei ed elettronici. Potrebbe facilmente ritorcersi contro. Ma mettiamo da parte i preconcetti e iniziamo a guardare a ciò che sappiamo.

Complessivamente, le versioni cartacee di tutti i titoli su un e-reader pesano più di un tablet e occupano molto più spazio, non solo su una libreria, ma anche sui veicoli di consegna che viaggiano dalle tipografie alle librerie. E, naturalmente, l’industria della carta abbatte gli alberi (rimuovendo i serbatoi di carbonio nel processo) e utilizza prodotti chimici per migliorare la qualità della carta. Le sostanze chimiche aggiuntive nelle colle e negli inchiostri di legatura hanno ciascuna la propria impronta ambientale. Inoltre, tutti i processi coinvolti nel portare un libro cartaceo nelle mani di un lettore richiedono energia da diverse fonti e hanno diversi profili di emissione. Infine, alla fine della sua vita, il libro sarà molto probabilmente riciclato, influenzando la sua impronta ambientale complessiva riducendo il fabbisogno globale di fibre di legno vergini.

Gli e-reader non richiedono alberi, inchiostro o colla, né occupano tanto spazio e peso quanto un libro tradizionale. Un e-reader rappresenta non solo un libro ma un intero scaffale, quindi avere più libri sull’e-reader riduce l’onere ambientale per libro. D’altra parte, gli e-reader sono costituiti da componenti elettronici (come lo schermo, la batteria agli ioni di litio e la CPU), che richiedono l’estrazione e la trasformazione di diverse risorse (rame, silicio ed elementi di terre rare, tra gli altri) . Usano l’elettricità per ricaricarsi e anche i data center e i server che ospitano i libri elettronici prima di essere scaricati consumano risorse ed energia. Inoltre, un e-reader ha una durata inferiore (circa tre anni) rispetto a un libro cartaceo. E anche se il riciclaggio dei prodotti elettronici continua a diventare più facile,la pratica è ancora poco diffusa ed è molto più problematica del riciclo dei libri di carta.

Se leggi un numero limitato di libri, molto probabilmente il libro cartaceo limiterà le tue emissioni di gas serra. Ma per i lettori assidui, gli e-book hanno un’impronta di carbonio inferiore.

L'impronta ambientale della carta rispetto ai libri elettronici

Quindi qual è il migliore? Come spesso accade, la risposta non è né nera né bianca. Una rapida rassegna della letteratura rivela che, sebbene l’argomento sia stato ben studiato, gli studi variano in termini di qualità e si basano su ipotesi e dati diversi per effettuare confronti. Le variabili includono diverse dimensioni del campione, diversi tipi di qualità della carta, diversi processi di stampa, diversi metodi di smaltimento (riciclato o inviato a una discarica) e se i libri sono monouso o letti più volte. Alla luce di tali variabili, emergono conclusioni contraddittorie. I libri di carta a volte possono mostrare l’impronta di carbonio più bassa (specialmente quando si confronta un numero inferiore di libri) o l’impronta di carbonio più alta (specialmente quando si confronta un numero elevato di libri).

Per comprendere meglio come le varie ipotesi abbiano influenzato i risultati, ho costruito un modello di inventario del ciclo di vita basato sui dati di Naicker e Cohen (2016) perché era relativamente recente e sufficientemente dettagliato per adattarsi al mio scopo. Naicker e Cohen hanno confrontato la lettura di 21 libri di testo universitari di lunghezza e peso non specificati, in formato cartaceo o in formato elettronico su un iPad. Ho apportato diverse modifiche al loro modello:

Contabilità del numero di libri: per tenere conto di un numero variabile di libri, ho adattato l’inventario del ciclo di vita di Naicker e Cohen per fornire risultati indicatori per un libro di testo universitario anziché 21. Per l’iPad, ho moltiplicato l’inventario del ciclo di vita dell’iPad produzione, distribuzione e trasporto entro 21 (per avere un iPad) e isolato l’elettricità necessaria per modificare, scaricare e leggere un singolo e-book. Abbiamo anche modificato il presupposto della multifunzionalità dell’iPad, rendendolo in alternativa un e-reader del 20%, 50%, 75% o 100% invece di un e-reader statico del 64%.

Contabilità della diversa qualità della carta e dei processi di stampa: il processo di produzione dei libri è stato in gran parte rivisto per tenere conto della diversa produzione di carta (media patinata senza legno, legno contenente leggero, media senza legno senza legno, contenuto riciclato al 100% senza legno, patinata senza legno al 100% mulino integrato, rivestimento senza legno nel mulino non integrato) e processi di inchiostrazione (stampa laser in bianco e nero, stampa laser a colori, stampa offset) inclusi nel database di inventario del ciclo di vita di ecoinvent v.3.4.

Contabilità dei diversi fini della vita per i libri di carta: Naicker e Cohen ritengono che il libro alla fine sarà gettato in discarica. Abbiamo tenuto conto della possibilità che venga riciclato.

Contabilità della variabilità spaziale: ho adattato i dati dell’inventario del ciclo di vita dei mercati manifatturiero e della generazione di energia elettrica per tenere conto di tre regioni in cui i libri sarebbero stati prodotti e letti: Stati Uniti, Cina e Québec (Canada). Queste entità geografiche rappresentano la gamma globale di valori per l’impronta di carbonio del mix di reti elettriche, con il Québec che mostra il più basso, la Cina il più alto e gli Stati Uniti vicino alla media.

Ho anche fatto affidamento su un diverso database di inventario del ciclo di vita di ecoinvent (versione 3.4 anziché versione 3.01). Altrimenti, ho accettato gli stessi presupposti e le stesse limitazioni specificate da Naicker e Cohen.

Le emissioni di gas serra (GHG) ottenute da questo esercizio sono mostrate nella Figura 1. Ogni libro cartaceo aggiuntivo genera emissioni di GHG aggiuntive. Al contrario, con ogni e-book scaricato, il contributo alla produzione dell’e-reader è fisso, e l’elettricità necessaria per scaricare e leggere l’e-book non contribuisce molto all’impronta di carbonio. Inoltre, i luoghi di produzione o utilizzo non influiscono sulle conclusioni tanto quanto il numero di libri di testo (non mostrati nel grafico) rispetto al numero di libri o carta e processi di stampa. Esiste quindi una soglia alla quale i libri emettono più emissioni di gas serra di un e-reader e viceversa. All’interno di questo esercizio,questa soglia viene valutata tra 13 e 30 (in media 20) libri di testo universitari, a seconda di una serie di parametri definiti e se l’iPad viene utilizzato esclusivamente come e-reader. Se viene utilizzato per altri scopi (come navigare sul Web o giocare), le emissioni di gas serra derivanti dalla produzione dell’iPad vengono suddivise tra questi diversi usi. Se l’iPad viene utilizzato solo il 25 percento del tempo per leggere libri di testo, questa soglia viene valutata tra quattro e otto (in media cinque) libri di testo universitari. Pertanto, se leggi un numero limitato di libri, molto probabilmente il libro cartaceo limiterà le tue emissioni di gas serra. Ma per i lettori accaniti, è più probabile che gli e-book limitino le emissioni di gas serra.le emissioni di gas serra derivanti dalla produzione dell’iPad sono suddivise tra questi diversi usi. Se l’iPad viene utilizzato solo il 25 percento del tempo per leggere libri di testo, questa soglia è valutata tra quattro e otto (in media cinque) libri di testo universitari. Pertanto, se leggi un numero limitato di libri, molto probabilmente il libro cartaceo limiterà le tue emissioni di gas serra. Ma per i lettori accaniti, è più probabile che gli e-book limitino le emissioni di gas serra.le emissioni di gas serra derivanti dalla produzione dell’iPad sono suddivise tra questi diversi usi. Se l’iPad viene utilizzato solo il 25 percento del tempo per leggere libri di testo, questa soglia è valutata tra quattro e otto (in media cinque) libri di testo universitari. Pertanto, se leggi un numero limitato di libri, molto probabilmente il libro cartaceo limiterà le tue emissioni di gas serra. Ma per i lettori accaniti, è più probabile che gli e-book limitino le emissioni di gas serra. 

_________________

Pierre-Olivier Roy è un lead energy e consulente senior presso il Centro di riferimento internazionale per il ciclo di vita di prodotti, processi e servizi (CIRAIG) , Montréal, Québec.

NOTA BENE

L’articolo originale è disponibile sul sito anthropocenemagazine.org

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

Taiwan: un’altra visita ma senza ritorsioni sulle relazioni Cina – UE

Oggi sul South China Morning Post ho cercato di buttare acqua sul fuoco anche per la visita del Vice Ministro dei Trasporti della Lituania...

MORE FROM THIS TOPIC