Il G7 dovrebbe essere più inclusivo per risolvere i problemi globali

ULTIMI POST

La Gran Bretagna quest’anno ospiterà il “Gruppo delle Sette” (G7) nazioni industrializzate, per riunirsi per la prima volta di persona da quando la pandemia per il COVID-19 si è diffusa in tutto il mondo. Prima di venerdì, Johnson ha una prima opportunità, di assicurarsi un incontro individuale con Biden e di rinnovare i legami tra Regno Unito e Stati Uniti dopo quattro anni turbolenti e imprevedibili sotto Donald Trump.

Il G7 è un gruppo di persone che pensano allo stesso modo e c’è un certo valore in questo, ma il problema che il mondo sta affrontando: pandemia, cambiamento climatico e altri problemi che non possono essere risolti solo parlando con persone che sono d’accordo uno con l’altro, questo  rende quasi inutile l’incontro, se tutti vengono e vivono con la stessa idea.

In realtà sono più propenso a coinvolgere il resto del mondo con l’Est, l’Asia, il Sud, l’India, con l’Africa con il Sud America perché questi sono problemi globali non solo di sette paesi.
C’è un dibattito, le persone si incontrano, c’è valore in questo, ma non sono inclusivi e cerchiamo di risolvere il problema globale in modo non inclusivo.

NOTA BENE

Questo video é un’estratto dell’intervista originale disponibile su Sky TG24 UK.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

Salvare il pianeta: il futuro del cibo

 Secondo alcune stime, nel 2050 ci saranno 2 miliardi di abitanti in più sul pianeta, con una conseguente domanda di cibo in crescita del...

MORE FROM THIS TOPIC