G20 Summit: persone, pianeta, prosperità

ULTIMI POST

In questo vertice del G20 si parla di persone, pianeta, prosperità, queste sono tutte le priorità degli incontri per il G20, suppongo che avrebbero potuto usare le parole maternità e torta di mele. Sembra tutto un po’ ambizioso, no?

NOTA BENE

Questo testo é una traduzione della video intervista disponibile sul sito di CGTN

Da un lato questi incontri devono essere così, devono essere ambiziosi per impostare la scena e forse allora, saranno seguiti da alcuni governi, forse in modo bilaterale, forse da alcune aziende che seguono i consigli da ciò che viene fuori dai comunicati del G20. Sai, ho assistito a molti di questi incontri, quindi sono moderatamente positivo, almeno quelle parole sono lì dentro vediamo cosa viene fuori dalla discussione, quali cose pratiche si possono fare, perché non abbiamo molto tempo per parlare, abbiamo davvero bisogno di agire ora.

Lei è un veterano di questi raduni, ma per quelli di noi che non lo sono, c’è un grande cambiamento nella struttura qui, come ho capito, questa è la prima volta che diplomatici e funzionari dello sviluppo sono invitati alla riunione del G20, cosa ne pensa?

È come cercare di renderlo un po’ più pratico, quindi un po’ di esperienza, non è solo parlare di affari esteri perché è un business sfacciato, è necessario essere gentili con tutti, è necessario evitare il problema. Perché forse gli esperti di sviluppo hanno bisogno di affrontare il problema con tatto, quindi è solo la natura della diplomazia che è lontana dall’evidenziare la diversità è anche grande e si concentra su cose che sono in comune, che è la parte buona dell’equazione. La seconda parte è trovare il problema che dobbiamo risolvere e che è lasciato per il secondo gruppo di persone così in un certo senso è una bella idea per un ministro, sorridere e parlare di cose belle, di società mentre le altre persone e gruppi cercano di risolvere i problemi. Altrimenti l’incontro diventa solo un incontro in cui i problemi reali non sono affrontati.

Il multilateralismo è quello che continuo a ripetere, è il tormentone di questo incontro, ma deve davvero essere qualcosa di più di uno slogan.

Infatti, poiché consideriamo il multilateralismo come un rapporto tra paesi “end-to-end”, non dove 200 paesi trattano e commerciano con gli altri 200 paesi. In fin dei conti, tuttavia, stiamo purtroppo assistendo al disaccoppiamento, alla divisione tra ovest ed est, evidenziando la diversità piuttosto che cooperare, questo è in un modo in cui andiamo in crisi. In un certo senso, lo giustifico, ma non mi piace che tutti cerchino di fare gli affari loro. I Paesi cercano di assicurarsi la produzione di certi materiali e beni ritenuti necessari, non vogliono fare affidamento sull’approvvigionamento esterno. Abbiamo visto l’interruzione nella catena di valore e anche l’industria, le persone si preparano in caso di tempesta ad avere il magazzino pieno e continuare a fare affari come al solito, senza contare necessariamente su altri partner e questo non è un bene per l’integrazione e per il multilateralismo, Perché porta al protezionismo, scambi anche ridotti al minimo, non solo di merci, ma anche tra persone e persone, per la scienza, la tecnologia, l’università. Temo che, dopo aver limitato il commercio delle merci, si passi anche a limitare altre questioni, altri scambi e questo sarà molto grave.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

Salvare il pianeta: il futuro del cibo

 Secondo alcune stime, nel 2050 ci saranno 2 miliardi di abitanti in più sul pianeta, con una conseguente domanda di cibo in crescita del...

MORE FROM THIS TOPIC