L’importanza di Hong Kong per Pechino e la Cina

ULTIMI POST

Ho rilasciato un’intervista per il quotidiano spagnolo La Razón, parlando del recente viaggio di Xi Jinping ad Hong Kong e di quanto sia importante per l’economia cinese.

La Cina rispetta l’autonomia di Hong Kong da quando è stata restituita dal controllo britannico 25 anni fa?

Penso che dobbiamo ricordare che Hong Kong fa parte della Cina e che gli inglesi l’hanno presa con la forza e hanno stabilito il governo coloniale. Pertanto, il popolo di Hong Kong non ha mai sperimentato alcuna autonomia per 150 anni. In questo contesto, dal punto di vista cinese, non c’è autonomia da rispettare, ma una lenta transizione per riprendere il pieno controllo.

La formula “un Paese, due sistemi” è stata un successo come ha affermato Xi Jinping?

Penso. Ci sono state molte sfide, ma dal punto di vista finanziario ed economico, Hong Kong è estremamente preziosa per Pechino, poiché offre accesso a un sistema finanziario pienamente funzionante, valuta convertibile e commercio aperto. Quindi è nell’interesse della Cina preservare anche questo, dal momento che la Cina continentale vuole invece mantenere una combinazione di economia pianificata e di mercato. Pertanto, Hong Kong offre una visione di un’economia di mercato completa senza correre il rischio di implementarla in tutto il continente.

Qual è il bilancio della legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino?

Dati i recenti eventi geopolitici e la spinta di alcuni paesi occidentali contro la Cina, Pechino deve assicurarsi che Hong Kong non sia il focolaio di nessun gruppo rivoluzionario o gruppo dissidente nei confronti del governo centrale. Pertanto, hanno applicato una politica pesante per raffreddare i movimenti di protesta, in quanto percepita come un rischio per la stabilità dell’intero Paese. Forse il movimento di protesta avrebbe potuto fermarsi dopo aver ottenuto qualche concessione da Pechino, invece di raddoppiare. Forse sono stati mal consigliati e, in un certo senso, hanno costretto Pechino a rispondere, anche con riluttanza.

Pensa che Pechino voglia annettere Taiwan pacificamente o l’opzione militare è alla fine della strada?

Taiwan fa parte della Cina, non c’è niente da annettere. “Incontro” è il termine più appropriato. Pechino probabilmente lavorerà lentamente per trovare una soluzione pacifica. Il popolo spagnolo, con l’esperienza del caos durante il referendum di secessione in Catalogna, comprenderà facilmente la pretesa territoriale del governo centrale di Pechino su Taiwan.

NOTA BENE

           
L’articolo completo è disponibile su LA RAZÓN

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

Taiwan: un’altra visita ma senza ritorsioni sulle relazioni Cina – UE

Oggi sul South China Morning Post ho cercato di buttare acqua sul fuoco anche per la visita del Vice Ministro dei Trasporti della Lituania...

MORE FROM THIS TOPIC