L’accusa di Joe Biden a Putin sull’inflazione è corretta?

ULTIMI POST

Mentre il conflitto in Ucraina ha avuto un impatto sull’inflazione, i rialzi sono stati molto più lenti nel tempo, notando che le politiche di tassi di interesse prossimi allo zero adottate dalla Fed, insieme ai generosi pacchetti di stimolo e l’allentamento quantitativo successivo al crollo finanziario del 2008, hanno ricoperto un ruolo importante.

La crisi dell’offerta causata dal Covid-19, che ha limitato la capacità delle imprese di ripartire dopo la pandemia, ha esacerbato questo problema. La guerra in Ucraina è stata “un’aggiunta” e anche le sanzioni dell’UE su petrolio e gas hanno causato un aumento dei prezzi. In un certo senso, non è colpa di Biden perché ha ereditato il problema e può essere al riparo dalle critiche. Ma d’altra parte, sbaglia anche a dare la colpa alla Russia, perché se il problema nasce 10 anni fa, non ha nulla a che fare con la guerra.

Se fossi Biden farei lo stesso. Darei la colpa a qualcun altro esterno, che non ha nulla a che fare con me. L’anno scorso era Xi Jinping, quest’anno è Putin. Per una buona ragione, tra l’altro, la guerra, ma è molto facile per un politico scaricare la responsabilità su fattori esterni. Incolpando Putin solo per la crisi, ammetterebbe di fatto che l’inflazione è “importata”, il che significa che la Fed o i responsabili delle politiche statunitensi non hanno il potere di apportare alcun cambiamento. Soprattutto in questo caso, nel caso specifico dell’inflazione, considerando che non si può fare molto per cambiarla, è quasi come se Biden dicesse a se stesso, in modo molto intelligente, “Ci sono dei problemi, ma non hanno nulla a che fare con me”. Uno viene da Obama 10 anni fa – che probabilmente non può accusare dato che è dalla stessa parte – ma potrebbe incolpare ad esempio la crisi finanziaria globale del 2008. L’altro è Putin.

NOTA BENE

           
L’articolo completo è disponibile su Newsweek

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

Taiwan: un’altra visita ma senza ritorsioni sulle relazioni Cina – UE

Oggi sul South China Morning Post ho cercato di buttare acqua sul fuoco anche per la visita del Vice Ministro dei Trasporti della Lituania...

MORE FROM THIS TOPIC