La globalizzazione finanziaria ha aumentato le disuguaglianze di reddito

ULTIMI POST

La globalizzazione è un importante motore della disparità di reddito all’interno dei paesi, soprattutto attraverso canali finanziari piuttosto che commerciali.

Esistono diverse teorie per spiegare la crescente disuguaglianza di reddito all’interno degli stati nazionali a partire dagli anni ’80. Un indicatore di disuguaglianza che indica chiaramente l’aumento delle disuguaglianze all’interno del paese in Europa e negli Stati Uniti è la quota dei redditi del 10% superiore nel reddito nazionale ante imposte.

Una spiegazione per l’aumento delle disuguaglianze riguarda la globalizzazione economica: negli ultimi decenni, la questione di come la crescente integrazione dei mercati nei settori del commercio internazionale e della finanza abbia influito sulla disuguaglianza dei redditi in tutto il mondo è stata al centro della controversia sulle scienze sociali.

Nonostante i notevoli sforzi di ricerca, la letteratura riporta risultati diversi e in parte contraddittori in merito alla direzione e alla portata dell’effetto della globalizzazione sulle disuguaglianze. A livello teorico, la teoria più importante è il cosiddetto teorema di Stolper-Samuelson, che afferma che la crescente integrazione commerciale internazionale riduce la disuguaglianza di reddito all’interno dei paesi in via di sviluppo, ma aumenta la disuguaglianza all’interno dei paesi avanzati. Altre teorie riguardano l’effetto dell’apertura finanziaria sugli aspetti distributivi. A questo proposito, si suggerisce spesso che l’apertura dei mercati finanziari debba essere accompagnata da un miglioramento delle opportunità di finanziamento – con effetti distributivi ambivalenti – e da una tendenza ad aumentare le disuguaglianze e la vulnerabilità alle crisi.

La letteratura empirica riguardante l’effetto della globalizzazione commerciale sulla disuguaglianza di reddito è abbastanza voluminosa. Ci è sia il supporto per il teorema di Stolper-Samuelson che la confutazione. Tuttavia, sempre più spesso si concentrano anche aspetti della globalizzazione che non ruotano intorno al commercio di beni e servizi. La crescente integrazione internazionale dei mercati finanziari e il crescente numero di crisi finanziarie hanno portato negli ultimi decenni a numerosi studi sulla dimensione finanziaria della globalizzazione – ma con conclusioni altrettanto contraddittorie.

Un’altra linea di ricerca riguarda la questione se l’influenza della globalizzazione non sia così importante a causa di fattori politici, istituzionali o di altro tipo (come la tecnologia, l’istruzione o le variabili macroeconomiche) sono molto più importanti per lo sviluppo della disuguaglianza, anche se questi fattori non sono del tutto indipendenti.

Approfondisci l’argomento consultando la fonte ufficiale (in inglese) heimbergecon.substack.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

Salvare il pianeta: il futuro del cibo

 Secondo alcune stime, nel 2050 ci saranno 2 miliardi di abitanti in più sul pianeta, con una conseguente domanda di cibo in crescita del...

MORE FROM THIS TOPIC