Per Angela Merkel la Cina è un’opportunità?

ULTIMI POST

Dieci anni fa, nel giugno 2011, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha steso il tappeto rosso per la cancelliera tedesca Angela Merkel. Ad una cena di stato alla Casa Bianca, ha consacrato la Merkel come portabandiera europea per la libertà, presentandole la medaglia presidenziale della libertà e lodandola come “voce eloquente per i diritti umani e la dignità in tutto il mondo.” Un commosso cancelliere si impegnò a difendere la libertà, intonando che “Vivere in libertà e difendere la libertà sono due facce della stessa medaglia, perché il dono prezioso della libertà non viene naturalmente, ma deve essere combattuto, nutrito e difeso più e più volte.”

Questo giovedì, la Merkel viene a Washington in un ruolo molto diverso: come nemesi della politica cinese del presidente Joe Biden. Che il mondo libero sia in una lotta decisiva contro una Cina autoritaria è una delle poche cose su cui Democratici e Repubblicani possono essere d’accordo. La Merkel ha scelto di non rispettare questo consenso bipartisan. Durante l’ultimo anno del suo mandato, la Merkel ha investito tutte le sue energie per approfondire i legami economici della Germania e dell’Europa con la Cina, spingendo attraverso un accordo di investimento con la Cina alla fine dello scorso anno. Questo è stato il regalo di benvenuto del cancelliere per l’amministrazione Biden, segnalando la sua opposizione a un fronte transatlantico unito contro Pechino. Ancora più eloquente, la Merkel ha scelto di rimanere in silenzio a marzo, quando Pechino, con una mossa senza precedenti, ha inflitto sanzioni a parlamentari e ricercatori tedeschi ed europei.

NOTA BENE

Continua la lettura dell’articolo completo su foreignpolicy.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

Salvare il pianeta: il futuro del cibo

 Secondo alcune stime, nel 2050 ci saranno 2 miliardi di abitanti in più sul pianeta, con una conseguente domanda di cibo in crescita del...

MORE FROM THIS TOPIC