Perché la costruzione della nazione non è riuscita in Afghanistan

ULTIMI POST

Anche se gli Stati Uniti avrebbero potuto chiaramente fare un lavoro migliore per gestire la propria partenza dall’Afghanistan, la tragedia che si sta verificando questo mese è in corso da 20 anni. Fin dall’inizio, l’America e i suoi alleati hanno abbracciato – e mai riconsiderato – una strategia di costruzione dello stato dall’alto verso il basso che era sempre destinata a fallire.

NOTA BENE

L’articolo originale è stato pubblicato su project-syndicate.org

ISTANBUL – Gli Stati Uniti hanno invaso l’Afghanistan 20 anni fa con la speranza di ricostruire un paese che era diventato una piaga per il mondo e per il suo stesso popolo. Come ha spiegato il generale Stanley Mcchrystal nel periodo precedente all’ondata di truppe statunitensi del 2009, l’obiettivo era che “il governo dell’Afghanistan controllasse sufficientemente il suo territorio per sostenere la stabilità regionale e impedire il suo uso per il terrorismo internazionale.”

Ora, con più di 100.000 vite perse e circa 2.000 miliardi di dollari spesi, tutta l’America deve mostrare per il suo sforzo sono le scene di questo mese di una disperata fuga dal paese – un umiliante collasso che ricorda la caduta di Saigon nel 1975. Cosa è andato storto? 

Praticamente tutto, ma non nel modo in cui la maggior parte della gente pensa. Sebbene la scarsa pianificazione e la mancanza di informazioni accurate abbiano certamente contribuito al disastro, il problema è in realtà in corso da 20 anni.

NOTA BENE

Continua la lettura dell’articolo originale disponibile su project-syndicate.org

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I PIÙ LETTI

Pechino raffredda il pil per scaldare i salari

La debole crescita del pil cinese nel terzo trimestre (+4,9%) è stata accolta negativamente da molti analisti che ne hanno attribuito la causa alle...

MORE FROM THIS TOPIC